Corsi e master che promettono accesso agli albi CTU e periti tribunale - ANCRIM Associazione Nazionale Criminologi e Criminalisti

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

 
Attenzione ai corsi che promettono l’accesso agli albi CTU e periti del tribunale
Comunicato del Consiglio Direttivo Nazionale: pratiche commerciali scorrette o truffaldine e requisiti per l'accesso agli albi CTU e periti presso i tribunali



Corsico (Milano) - Segreteria Generale, 4 giugno 2019
 
 
Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare incontrollato di offerte formative (corsi di alta formazione, perfezionamento o master) proposte da vari enti di formazione che non solo infondono false aspettative ma hanno connotazioni truffaldine.
 
Si ricorda che nessun corso o master “abilita” o costituisce “titolo preferenziale” per l’iscrizione agli albi dei consulenti tecnici d’ufficio o dei periti del tribunale. Infatti, la valutazione da parte delle commissioni istituite presso i tribunali per la nomina dei CTU e dei periti avviene sull’intera carriera del candidato, sia accademica che professionale: percorso universitario, formazione specialistica nelle materie di competenza, pubblicazioni (libri, manuali, articoli ecc.), docenze, impieghi presso enti pubblici o privati quali esperti, partecipazione come relatori a convegni, seminari ecc., appartenenza ad associazioni od organizzazioni nazionali o internazionali di rilievo ma, soprattutto, sull’effettivo esercizio dell’attività di consulente tecnico di parte. Inoltre, il dato più importante è che i tribunali richiedono che il candidato all’albo dei CTU o dei periti, il quale, lo si ricorda, deve essere un “esperto”, abbia un’esperienza “documentata” quale consulente tecnico di parte che può variare dai 3 ai 5 anni a seconda delle disposizioni interne al tribunale (di norma 5 anni di attività quale CTP).
 
Pertanto, oltre a raccomandare ai colleghi ANCRIM di evitare di sottoporre candidature quali CTU o periti presso i tribunali senza i predetti requisiti, candidature che la nostra Associazione, quando chiamata in commissione, non può né formalmente né sostanzialmente sostenere, si raccomanda a tutti i soggetti non appartenenti alla nostra Associazione di diffidare di qualsiasi offerta formativa in cui l’ente proponente dichiara che il proprio corso o master “consente” l’iscrizione agli albi dei CTU o dei periti ovvero che l’attestato rilasciato è “valido” per il predetto fine.

Il Consiglio Direttivo Nazionale
 
Torna ai contenuti | Torna al menu